Tutti nello stesso piatto - Un mondo fragile

04 Nov 2015

Trailer di presentazione di "La tierra y la sombra! - Un mondo fragile". L'opera, che rientra tra le produzioni in concorso per "Tutti nello stesso piatto", il festival di cinema, cibo e videodiversità organizzato dalla cooperativa Mandacarù, è in programmazione martedì 10 novembre alle 21.00 al cinema Astra di Trento

PRESENTAZIONE

regia César Augusto Acevedo

produzione Diana Bustamante Escobar | musiche Felipe Rayo

paese Brasile, Cile, Colombia, Francia | lingua Italiano | durata 94’

Premio Camera d’Or al Festival di Cannes 2015

Alfonso è un vecchio contadino che, dopo diciassette anni, torna dalla sua famiglia per accudire il figlio Gerardo, ora gravemente malato. Al suo ritorno, ritrova la donna che era un tempo la sua sposa, la giovane nuora e il nipote che non ha mai conosciuto, ma il paesaggio che lo aspetta sembra uno scenario apocalittico: vaste piantagioni di canna da zucchero circondano la casa e un’incessante pioggia di cenere, provocata dai continui incendi per lo sfruttamento delle piantagioni, si abbatte su di loro. L’unica speranza per tutti è andare via, ma il forte attaccamento a quella terra rende le cose più difficili. Dopo aver abbandonato la sua famiglia per tanti anni, Alfonso ora cercherà di salvarla. Un mondo fragile è un film di volti, corpi, sguardi, dotati di un’intensità rara e dolente, solcati e incisi da una fotografia che ne mette in luce tutta la sofferenza, la dignità, la bellezza, riecheggiando gli scatti di Sebastião Salgado. Una fotografia che sorregge con forza tutto il film, abile ed espressiva sia nel confrontarsi con gli interni bui sia con gli esterni soleggiati, quadri realisti che (di)stillano umanità e immobilismo.