Mele sostenibili sui banchi d'università

24 Nov 2014

Sono uno dei frutti che, dalla raccolta alla vendita, producono meno anidride carbonica. Parliamo delle mele, la cui impronta carbonica, vale a dire la quantità di emissioni, è comunque ancora migliorabile. Lo dice lo studio realizzato in collaborazione con Assomela e presentato oggi alla Libera Università di Bolzano. Magnani e Dalpiaz: “Risultati che applicheremo alla pratica per migliorarci”. Il prof Tagliavini: “I produttori dovranno usare energie rinnovabili, ma servirà anche l’impegno dei consumatori”.

INTERVISTE A: Ennio Magnani, presidente Assomela

Massimo Tagliavini, docente della Libera Università di Bolzano